sabato 21 ottobre 2017

I politici cialtroni hanno poi ragione, l'integerrimo Visco o il maestoso Daghi ed anche il derelitto Fazio (di Ciampi già dissi) hanno sbagliato ricetta ispettiva e hanno creato disastri alla nostra economia bancaria. Disse bene D'Alema: la nostra non è crisi di sistema, sibbene crisi di liquidità. I politici saranno infami o altro ma conoscono il fare, i loro critici hanno solo l'idiota presunzuione del parlare bene (non sapendo manco razzolare). Calogero Taverna

Maria Grazia Fels Nella mia esperienza lavorativa, successiva alla tua, ho avuto l'opportunità di conoscere personalmente Ignazio Visco e ho per lui una grande stima
Gestire
Maria Grazia Fels Ho ovviamente conosciuto anche Ciocca
Gestire
Lillo Taverna Anche io ce l'ho enorme quella stima . Eccellente uomo, colto, raffinato, signorile, integerrimo. Ma ha la stoffa e la dimensione del Banchiere Centrale di Stato?. Ha saputo scegliersi i collaboratori adeguati? Ha esperienza ispettiva bancaria? Una volta chiamavo gli amici del servizio studi, gatti soriani dipinti di rosso. Certo erano come chierici conventuali del casto Medioevo. Ardivano pontificare sul Kamasutra creditizio. Tuelle le posizioni conoscevano; ma commettevano un errore di base, credevano che quella cosa femminea fosse orizzontale e non verticale. Sfido io, non l'avevano mai vista. Calogero Taverna

Maria Grazia Fels Nella mia esperienza lavorativa, successiva alla tua, ho avuto l'opportunità di conoscere personalmente Ignazio Visco e ho per lui una grande stima
Gestire
Maria Grazia Fels Ho ovviamente conosciuto anche Ciocca
Gestire
Lillo Taverna Anche io ce l'ho enorme quella stima . Eccellente uomo, colto, raffinato, signorile, integerrimo. Ma ha la stoffa e la dimensione del Banchiere Centrale di Stato?. Ha saputo scegliersi i collaboratori adeguati? Ha esperienza ispettiva bancaria? Una volta chiamavo gli amici del servizio studi, gatti soriani dipinti di rosso. Certo erano come chierici conventuali del casto Medioevo. Ardivano pontificare sul Kamasutra creditizio. Tuelle le posizioni conoscevano; ma commettevano un errore di base, credevano che quella cosa femminea fosse orizzontale e non verticale. Sfido io, non l'avevano mai vista. Calogero Taverna

venerdì 20 ottobre 2017


Maria Grazia Fels Nella mia esperienza lavorativa, successiva alla tua, ho avuto l'opportunità di conoscere personalmente Ignazio Visco e ho per lui una grande stima
Gestire
Maria Grazia Fels Ho ovviamente conosciuto anche Ciocca
Gestire
Lillo Taverna Anche io ce l'ho enorme quella stima . Eccellente uomo, colto, raffinato, signorile, integerrimo. Ma ha la stoffa e la dimensione del Banchiere Centrale di Stato?. Ha saputo scegliersi i collaboratori adeguati? Ha esperienza ispettiva bancaria? Una volta chiamavo gli amici del servizio studi, gatti soriani dipinti di rosso. Certo erano come chierici conventuali del casto Medioevo. Ardivano pontificare sul Kamasutra creditizio. Tuelle le posizioni conoscevano; ma commettevano un errore di base, credevano che quella cosa femminea fosse orizzontale e non verticale. Sfido io, non l'avevano mai vista. Calogero Taverna
 Io il primo febbraio 1960, Mi hanno fatto entrare il primo febbraio del 1960 e non il primo gennaio 1960 per non dare anche a noi vincitori del terzo concorso della carriera direttiva la 'doppia', insomma una busta in nero fuori sacco. Allora si usava ma non eravamo assicurati all'INPS. Quando vecchi avremmo avuto un vitalizio con varie clausole oro da mungere da un fondo occulto fuori bilancio che si chiamava FONDO PENSIONE. Poi Occhiuto negli anni Settanta con diue grandi borse ripieni di biglietti ci assicurò tutti retroattivamente all'INPS. Invero le valige eran due una grande per il concordato assicurativo l'altra più piccola per oleare il DG dell'ente previdenziale onde non sollevasse remore sul giusto calcolo e addirittura sulla ammissibilità di quella strana 'regolarizzazione'.
Lillo Taverna Il giaio è che io davvero temo l'apocalisse in BI. Una incultura giuridica, ragioneristica, filosofica, etica ha generato mostri che uno ad uno stanno sciogliendosi, come pupazzi di neve al sole. Metteiamo le nostre 'pensioni integrative'. Sono regalie cospicue che vengono erogate anche alle tardive vedovelle di capiservizio rimasti vedovi (non frequente tra i vecchi maschi) e che avevano proceduto a sposars la giovane badante romena. Codeste immarciscibili pensioni quale copertura finanziaria hanno? Il Fondo pensioni è servito alla BI per spurie operazioni di borsa fatte magari defluire dopo nella pancia idrovora della CSR. Un minimo di sapienza aziendale e una minimale conoscenza del diritto commerciale fa temere che prima o poi vi sarà quel governatore che terrà alla sua onorablità penale e non firmerà bilanci di esercizio gravati da abnormi costi indeducibili (almeno tributariamente). Già vediamo filiali chiuse, assottigliamento di campagini impiegatizie specializzate, dismissioni di immobli non ad uso aziendale che erano dati in munifici alloggi a dirigenti, funzionari o magari sindacalisti di comodo, caspie sloggiato, casc alla frutta, polizze sanitarie evanescenti, internamenti a posti remunerativi post pensione dei fedelissimi ora sempre più in diradamento. Mi fermo. Questo per postulre che cosa. Una intesa tra uomini di banca intelligenti per inventars tunnel e rifugi ipogei salvifici. Praticabili? Sicuramente. Già io ne potrei indicare un buon numero. Una mossa furba per agguantare qualche beneficio personale visto che la Bnaca con me è stata assolutamente stitica? Giuro di no. Mi tolgan pure la pensione integrativa (poca cosa per me dato il mio ribellismo intelligente come qualcuno l'ha chiosato); mi sono a suo tempo ben premunito. Solidarietà castale? Invero non mi sento molto legato ai miei colleghi di banca. A parte riconoscimenti pro forma, per il resto i miei colleghi mi sono stati sempre ostativi. A De Sario avevo fornito scappatoie dal suo inghippo presso Cuccia. Per compenso manco permise a Masera di accogliermi in un posticino all'IMI. Andava dicendo e ammonendo che soffrivo del necrofilo gustio di andare a scoverchiare cadaveri negli armadi. E allora? Forse il gusto di mostrare quale artista perse la Banca cacciandomi fuori, privato persino delle munificenze che dava ai 'distaccati' di comodo. Calogero Taverna